DARFO: ASSEGNATI I PRIMI TITOLI PROVINCIALI DI CORSA IN MONTAGNA

DARFO: ASSEGNATI I PRIMI TITOLI PROVINCIALI DI CORSA IN MONTAGNA


Dopo cinque anni ritorna a Brescia, con una calorosa accoglienza, la corsa in montagna
provinciale giovanile con la 1^ Corri Castellino (Darfo) che inaugura la stagione di questa
specialità per le categorie giovanili.
Sul percorso tracciato dall’Atletica Vallecamonica, società organizzatrice, è stato inoltre
assegnato il titolo provinciale di specialità per la categoria allievi maschile e femminile.
Sul percorso di 2100m con un dislivello di 220m vince il titolo provinciale Allieve l’atleta di
casa Chiara Cortinovis (Atletica Vallecamonica – 18:27); nella prova maschile, sul
percorso di 2700m con dislivello positivo di 270m, vittoria per Erik Canovi della Pol.
Albosaggia (Sondrio). Il titolo provinciale Allievi viene conquistato da a Mathias Mora
(U.S. Malonno – 19:11) che si posiziona al quinto posto in classifica generale.
Nella categoria Cadette, per cui era previsto un tracciato di 1500m con 150m di dislivello,
doppietta per l’U.S. Malonno che vede Federica Occhi (7:06) e Camilla Bonariva (7:07)
lottare in volata per aggiudicarsi rispettivamente il primo e il secondo posto.
Nella categoria Cadetti, per cui è stato previsto il medesimo percorso studiato per le
allieve, il primo atleta bresciano che taglia il traguardo è primo Matteo Capriotti (Atletica
Rebo Gussago – 12:28), quarto in classifica generale.
Sofia Serena Zanetti (Atletica Rebo Gussago 6:14) si classifica seconda nella prova di
1200m con 100m di dislivello riservata alla categoria Ragazze, alle spalle di Matilde
Varisto (Pol. Albosaggia). Nella categoria Ragazzi primo bresciano e terzo assoluto
Giovanni Pedersoli (Corrintime – 4:54).
Nella classifica a squadre vince l’Atletica Rebo Gussago con 451 punti, seguita dalla
Pol. Albosaggia (309 punti) e Atletica Vallecamonica (185 punti).
L’organizzazione e il comitato FIDAL Brescia si ritengono soddisfatti della riapertura della
corsa in montagna al settore giovanile e si augurano che questa manifestazione
rappresenti un primo passo per sensibilizzare società ed atleti bresciani verso un
approccio positivo a questa specialità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.