Regionali assoluti: doppietta a Rovetta, bissano Melon e Piubeni; Zobbio vince in solitaria a Padova

Su di loro spicca Marcell Lamont Jacobs, specialista del salto in lungo che torna “a casa” dopo qualche stagione che lo ha visto ai box in questa competizione, per dedicarsi alla velocità. Il desenzanese che adesso si è trasferito da Gorizia a Roma, nella capitale spagnola, tornato in pedana in un meeting del IAAF World Indoor Tour, compie due balzate finali a 8.05, fissando quasi subito uno dei miglior score della sua carriera, avvicinando per altro il suo Pb Indoor e Outdoor, chiudendo al secondo posto dietro al greco Tentoglou (classe 1998). Secondo posto internazionale anche per la veronese, tesserata per l’Atletica Brescia, Johanelis Herrera Abreu, che in quel di Linz è riuscita a portare il suo Sb a 7.37 in finale. E’ battuta soltanto dall’austriaca Alexandra Toth, coetanea in 7.33. Direttamente da Vigevano, Chiara Melon (anche lei Atletica Brescia 1950 Ispa Group), da pochissimo Campionessa Italiana nei 60 metri Under23, ha deciso di mettersi subito all’opera per il terzo weekend consecutivo di altissimo livello, dopo Magglingen e Ancona adesso prosegue con Bergamo. Durante i Campionati Regionali Assoluti è riuscita bissare il titolo dello scorso anno ottenuto a Saronno in 7.74. In batteria corre più veloce di tutte in 7.58, mentre in finale peggiora leggermente in 7.64, quanto basta per lasciarsi alle spalle De Masi.
Conferma il titolo 2018, anche Alessandro Piubeni, bresciano dell’Interflumina, che alla prima gara indoor sui 60, sigla due volte il personale. La prima volta in batteria con 6.90, per poi trionfare in finale con 6.88, facendo due su due, dopo il titolo di metà gennaio a Padova sui 200, dimostra ancora una volta (se ce ne fosse ancora bisogno) di essere uno delle punte bresciane sulla velocità. Sui 60 era presente anche il bobbista azzurro Alexi Atchori della Virtus Castenedolo che torna a scendere sotto il muro dei sette secondi con 6.99 in batteria, dopo anni dalla prima cannonata a 6.93 nel 2015; vincerà il bronzo in finale con 7.02. Pareggia il personale un altro atleta Virtus, Lorenzo Copeta con 7.03.
Chiude il giro dello sprint, David Zobbio, il concesiano che a Padova è riuscito a migliorare ulteriormente il Pb indoor sui 400 facendo segnare un ottimo 49.63. Tesserato per il C.S San Rocchino, riesce a scendere per la prima volta sotto i 50” sul giro della morte, vincendo il titolo Regionale Assoluto, il primo della sua categoria, staccando i compagni di regione di oltre un secondo e mezzo. Grande miglioramento per Alessandra Bonora, che lontana dalle pressioni che possono dare i Campionati Italiani, si esprime al meglio in 55.65, abbassando di 42 centesimi il vecchio Pb Indoor, portandosi a casa un terzo posto di spessore assoluto per la junior al secondo anno tesserata per l’Atletica Rodengo Saiano.
“Double” per Dominique Rovetta, castenedolese della Cus Pro Patria Milano, che all’esordio con la nuova maglia, regala subito uno Step-Jump da doppio titolo Regionale Assoluto, il primo della sua carriera con 14.72 nel triplo e 6.94 nel lungo. Vince per l’undicesima volta il titolo Assoluto nella sua specialità, quinta volta al coperto. Nel lungo femminile, in una gara molto tirata, balza al terzo posto Ilenia Vaira, camuna tesserata per l’Atletica Bergamo Oriocenter con 5.52, migliorando lo stagionale, siglato a inizio gennaio.
Sfiora il minimo degli italiani assoluti Joan Adu della Virtus Castenedolo nei  60 ostacoli con 8.86 in finale con cui si tinge d’argento, migliorando il risultato tecnico di queste indoor, staccando Alessandra Feudatari (Atletica Brescia 1950 Ispa Group) in 9.00.

Oltre ai già citati atleti, la settimana prossima vedremo all’opera anche, Andrea Federici, Linda Guizzetti, Silvia Taini, Roberto Rigali, Alessia Pavese, Elisa Cherubini, Nicole Arduini, Sophia Favalli e molti altri.

Dominique Rovetta per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *