CdS Assoluti, la Brixia risorge e sfiora l’impresa, record provinciale per Tommaso Tanagli nei 400 hs

 

Nell’ultimo weekend di gare si sono chiuse le due fasi di qualificazione per le finali dei Campionati di Società 2018. Dopo la prima quasi schiacciante prova dell’Atletica Brescia durante le gare di Bergamo, questa volta il palcoscenico applaude soprattutto la Brixia Atletica con una rimonta che ha dell’incredibile. Il 7 Maggio la squadra occupava soltanto il 62 esimo posto in classifica italiana; 21 giorni dopo sfiora un impresa in quel di Chiari classificandosi al 28 esimo. La “remuntada” non riesce per soltanto pochissime posizioni e una manciata di punti che avrebbero permesso alla squadra di entrare nell’ambita Finale Argento di Bergamo il prossimo mese. Questa volta si confermano a 14454 punti rimanendo con largo pronostico la miglior squadra bresciana al maschile. Rimane comunque da sottolineare che la compagine è riuscita a fregiarsi di questo grande risultato senza due atleti tra i migliori della provincia, quali Pietro Pivotto e Christian Falocchi ai box per infortunio. Finisce nella Finale B di Tivoli l’Atletica Chiari con 13738 punti grazie al 42 esimo posto, riuscendo anche quest’anno a qualificarsi per una finale nazionale per il terzo anno consecutivo. A livello femminile continua la corsa all’oro dell’Atletica Brescia che questa volta si è vista rosicare due posizioni, chiudendo dopo la fase di qualificazione al terzo posto in graduatoria italiana con 16251 punti, grazie soprattutto al gruppo lanci, che a Cinisello Balsamo sono riuscite a incrementare ulteriormente il punteggio iniziale. Rimane di poco fuori dalla Finale B, la squadra femminile della Brixia che ha visto la conclusione dei giochi a 13025 punti e un amaro 52esimo posto, a soli 150 punti dalla gara di Tivoli. Padrone indiscusso della due giorni di Chiari è senza dubbio il Jet camuno trapiantato a Bergamo, ma che gareggia per i colori giallo blu della Brixia, Roberto Rigali, dove nei 100 metri eguaglia il suo secondo miglior tempo di sempre 10.50 già corsi in tre occasioni (curiosamente una nel 2015, una nel 2016 e l’ultima l’anno passato), anche quest’anno rincara la dose a Chiari firmando il suo SB. Non contento anche sui 200 il giorno seguente firma il PB, avvicinando pesantemente il Record Provinciale del compagno Pietro Pivotto grazie al magnifico 21.19, dietro soltanto all’azzurro Manenti. Non cala il sipario dietro di lui, perché Alessandro Piubeni con la maglia dell’Interflumina, abbassa il tempo anche sul mezzo giro, quindi non solo sui 100, con uno strepitoso 21.39 che rappresenta il suo nuovo personale. Torna a fare la voce grossa Andrea Federici che in ultima batteria distaccando gli avversari di quasi 50 metri, ottiene anche lui il miglior tempo di carriera grazie al mitico 21.66, migliorando il risultato con cui alle indoor nel 2016 vinse il titolo italiano Junior indoor sulla distanza. Il giorno precedente corre i 100 metri in 10.77, dimostrando che per gli italiani Under23 arriverà al top della condizione fisica di questo 2018. Anche il mezzofondo bresciano si mette in luce in casa, con Nesim Amsellek e i suoi inusuali 800 metri che chiude in 1:51.90 siglando un tempo mostruoso considerando il miglioramento di quasi sei secondi per un atleta abituato a gareggiare in gare sicuramente più lunghe. Eccellente anche Jacopo Brasi della Rodengo Saiano che ferma il cronometro a 1:52.46. Mette quasi in fila tutti “l’attempato” Davide Raineri (San Rocchino) che gareggiando con quelli che potrebbero essere i suoi figli, giunge secondo su un lotto di 81 atleti. Per lui arriva la MPI Senior45 sui 1500 in 3:54.68. Sui 5000 metri si rivede Francesco Agostini della Brixia, dove arrivando secondo, gioca con il tempo di 14:50.76. Sempre in casa Brixia arriva il risultato della giornata quasi inaspettato, ovvero il Record Provinciale di Tommaso Tanagli a suon di spinte dei piedi dopo le discese dagli ostacoli. Ora il primato provinciale recita il tempo di 51.56 (il precedente risaliva al 1991 con 51.5 manuale realizzato dallo scomparso Filippo Predaroli nella tragedia di Linate), abbassando di quasi un secondo il tempo di Isernia con cui si laureò Campione Italiano Universitario. Migliora di conseguenza il Pb datato Rieti 2015, riuscendo per la prima volta in carriera a scendere sotto i 52”. Un secondo e un terzo posto per il saltatore Dominique Rovetta che nel triplo si classifica dietro al rivale Accetta con 15.09 in una gara contornata di tentativi “passati” tra i due triplisti. Chiude la gara nel lungo sul terzo gradino con il nuovo Sb all’aperto di 6.98, davanti al decatleta della Virtus Castenedolo Stephen Asamoah che si ferma a 6.93. Palesano un buon stato di forma i giovani triplisti della Virtus Castenedolo, Andrea D’Amore, junior con 14.20 e l’allievo Tommaso Reffo con 14.11, che continua a inseguire il sogno del podio agli italiani di Rieti. Non smette di lanciare lontano Mattia Florio sempre Virtus, nel martello, grazie al nuovo Pb di 53.92 che gli vale il terzo posto di gara.

TOP 8 Punteggi Individuali

  1. 965 Punti. Roberto Rigali, 200 Metri – 21.19
  2. 964 Punti. Tommaso Tanagli, 400 Ostacoli – 51.56
  3. 960 Punti. Roberto Rigali, 100 Metri – 10.60
  4. 902 Punti. Andrea Federici, 200 Metri – 21.66
  5. 890 Punti. Dominique Rovetta, Salto Triplo – 15.09
  6. 885 Punti. Andrea Federici, 100 Metri – 10.77
  7. 876 Punti. Nesim Amsellek, 800 Metri – 1:51.90
  8. 868 Punti. Dominique Rovetta, Salto in Lungo – 6.98

Grandi duelli anche tra le ragazze, più precisamente tra le ostacoliste della Brixia, Elena Carraro che si impone su Silvia Taini in una sfida che sa di personale per la giovane allieva di Brescia. Rispettivamente ottengono 14.22 e 14.28 ma in due batterie diverse. Elena diventa così anche una tra le prime atlete All-time a ottenere questi tempi essendo una Under18 sugli ostacoli delle adulte.
Le altre Star guest della giornata sono Alessia Pavese e Chiara Melon dell’Atletica Brescia. Per loro arrivano tempi più che ottimi come 11.92 e 12.16, con gli italiani di categoria ormai alle porte. Chiara doppia con i 200 riuscendo a portarsi fino a 24.97. L’esperta Michela Pellanda decide di scendere in pista sui 400 ostacoli ottenendo un rassicurante 1:03.17, che le varrà anche come miglior tempo stagionale.
Un po di gloria anche per Imane El Alauoi, che nella sua nuova specialità, il triplo, trova la buca a 11.67 avvicinando il personale di Ancona. Nel settore lanci arrivano le grandi vittorie di Natalina Capoferri che sale in cattedra nel disco con un probante 53.06, tenendo lontano persino l’alfiere delle fiamme gialle Giampietro, e il primo posto di Agata Gremi nel lancio del martello. La martellista dell’Atletica Brescia in apertura trova precipitevolissimevolmente un lancione da 55.15 con cui poi si aggiudicherà il concorso in scioltezza. Mentre tornando al disco, anche Veronica Rossetti trova un posto sul terzo gradino del podio, grazie al 42.23 nell’ultimo tentativo possibile.

TOP 8 Punteggi Individuali

  1. 1004 Punti. Natalina Capoferri, Lancio del Disco – 53.06
  2. 946 Punti. Alessia Pavese, 100 Metri – 11.92
  3. 932 Punti. Elena Carraro, 100 Ostacoli – 14.22
  4. 930 Punti. Agata Gremi, Lancio del Martello – 55.15
  5. 925 Punti. Silvia Taini, 100 Ostacoli – 14.28
  6. 901 Punti. Chiara Melon, 200 Metri – 24.97
  7. 896 Punti. Chiara Melon, 100 Metri – 12.16
  8. 885 Punti. Alessandra Feudatari, 100 Ostacoli – 14.63

Rovetta Dominique per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *