Indoor JP: vincono i titoli italiani Falocchi e Zanne

Federica Zanne

Weekend di grandi gare ad Ancona per i Campionati Italiani Junior e Promesse, con tanti nuovi personali e tanti buoni spunti per questo inizio di stagione. Due sono le ottime prestazioni bresciane che hanno potuto fregiarsi di vincere l’oro e di conseguenza il titolo italiano indoor, Christian Falocchi (Brixia Atletica) e Federica Zanne (Atletica Brescia).
Federica vince la gara dei 3000 metri promesse in volata con 10:01.65, precedendo Micol Majori e la compagna di squadra, Chiara Spagnoli che ha chiuso in 10:07.61. Per l’atleta bresciana arriva il primo titolo sui 3000 considerando che la ragazza è molto forte anche nei cross questo risultato assume uno spessore maggiore in ottica gare all’aperto. Quest’anno ha corso la distanza già molto forte a Padova in 9:47.56 che rappresenta anche il suo primato. Si cimenta anche nei 1500, arrivando quinta con 4:38.21 e il personale indoor. Un po meno inaspettato l’oro di Christian Falocchi nel salto in alto, specialità che lo ha visto trionfare anche lo scorso anno. Per lui 2.18 alla prima uscita stagionale, con un percorso senza errori dall’1.98 al 2.18; prova 2.23 ma si ritira dopo il primo tentativo fallito. Ovviamente la testa sarà ai Campionati Assoluti in una cornice già preparata dal “regista” della specialità Tamberi, e forse sarà lì che il nostro Christian darà sfoggio delle sue reali capacità. Medaglia di bronzo nella marcia promesse per Martina Ansaldi (Atletica Brescia) che sulla distanza di 3km ottiene 14:09.82 e il Pb migliorato di circa 25 secondi. Buono il ritorno di Nicole Arduini nel salto in alto promesse con il quarto posto, saltando 1.73 al secondo tentativo, fallendo seppur di poco l’altezza successiva di 1.76. Stessa squadra e stessa posizione in classifica per Chiara Melon sui 60 metri junior, che continua il suo splendido momento di forma, presentandosi ad Ancona con 7.71 e il titolo regionale. Chiara decide subito di tirare fuori le unghie correndo la batteria in 7.58, passando per la semifinale in 7.65, chiudendo la finale in 7.58 pareggiando quindi il tempo della batteria e migliorando il Pb iniziale di 13 centesimi (prima di questa annata aveva 7.85). In batteria troviamo in leggera ripresa l’azzurra Camilla Maestrini (Brixia) con 7.78.  Per l’Atletica Brescia al quinto posto junior nei 1500 troviamo Vanessa Campana, la quale vince la prima serie in 4:52.17, figurando al primo posto tra le sue coetanee (classe 2000).  Bello il duo promesse Niotta – Pavese sui 60 piani, rispettivamente quarta e sesta. Per Alessia Niotta arriva 7.70 e una buonissima distribuzione delle forze durante i vari turni. Non perde tempo invece Alessia Pavese che in batteria spara immediatamente 7.63 avvicinando il tempo di Magglingen, chiudendo la finale in 7.72. Palesa non un eccellente stato di forma a cui ci ha sempre abituati Alessandra Bonora dell’Atletica Rodengo Saiano, che dopo aver corso la batteria in 57.05, migliora in finale con 56.17 e il nuovo Pb indoor, ma dando l’impressione che forse avrebbe potuto fare molto meglio gestendo il secondo giro in maniera diversa. Per la giovane atleta di Rodengo quarta quest’anno, arriva l’ennesima finale italiana a dimostrazione dello spessore tecnico, aspettando di vederla all’aperto, magari sotto i “55 e magari ai mondiali Junior di Tampere. Sulla stessa linea anche David Zobbio (Brixia Atletica) si deve accontentare della Finale B, dopo aver corso la batteria in 22.20, arriva il secondo tempo nella rispettiva finale con 22.28, migliorando comunque lo stagionale.  Quinto posto per lo junior del Chiari, Michele Falappi che nei suoi 400 riesce a qualificarsi con 50.13, chiudendo poi in 50.32. Portandosi a casa così il nuovo Pb indoor. Avvicinano il podio la staffettiste promesse del Brescia, Pedreschi, Gyedu, Corbetta e Niotta con 1:43.90. Quinto posto per il quartetto della Brixia junior, Zanadreis, Zobbio, Bertolani e Bara con 1:31.91. Lontano da Ancona a Modena, Alessandro Piubeni (Interflumina) firma il minimo per gli assoluti sui 60 con 6.91. Migliora il personale a Bergamo Silvia Taini (Brixia) nei 60 ostacoli con 8.66 vincendo poi i 60 piani in 6.91. Appuntamento alla prossima settimana con i Campionati Italiani Under18.

Dominque Rovetta per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *