Brescia e oltre Brescia, Seramondi a Padova e Guizzetti d’Argento

Alessia Seramondi (Atletica Brescia 1950) scalda i motori in vista dei futuri Campionati Italiani Allievi, che la vedranno protagonista assoluta sui 400 metri, dove incontrerà un parterre di avversarie di tutto rispetto.
Come riscaldamento pre Italiani, si concede un 200 a Padova, che vince al photofinish, di quattro centesimi davanti all’esperta Martina Favaretto, con un bellissimo 25.50. Seconda uscita sulla distanza dopo l’ottima prova di due settimane or sono dove fu’ seconda durante i Campionati Regionali Assoluti; questa volta sì “limita” alla vittoria, che male non fa’.

Con le compagne di squadra, Marta Braghini, Sara Vincenzi e Ludovica Trabona si aggiudica anche la 4×1 giro con il crono di 1:45.10, staccando di quasi tre secondi il Cus Trieste.
E’ proprio Marta Braghini a fare suo il terzo posto nei 60 ostacoli con 9.16 aggiornando il proprio personale di due centesimi. Adesso l’aspetta la “difficile” pista di Ancona, dove potrebbe lottare anche per un posto in semifinale. Insieme a lei si unirà anche la compagna Martina Cottali, questa settimana ferma ai box.

Terzo posto anche per Sonia Monieri dell’Atletica Lonato nel getto del peso, grazie ad un lancio al terzo tentativo di gara a 11.93. In base alle semplici liste di partenza, durante la gara di Ancona avrà bisogna di sfoderare un lancio oltre i dodici metri e mezzo se vorrà dire la sua anche per la finale, ma le qualità per compiere imprese ci sono.

Buon quinto posto per Davide Cristaldi (Brixia Atletica) sui 200 metri, con 23.22. Il giovane ragazzo bresciano si è già messo in luce, lo scorso anno ad Agropoli quando corse i 100 metri in 11.16 (11.08 ventoso) e sui 60 a Bergamo, chiusi in 7.15, diventando uno dei maggiori esponenti della velocità bresciana al maschile in questo inizio di stagione.
Vince in sostanza la gara dei 60 con barriere Matteo Gattinoni della Virtus Castenedolo, già in batteria con 9.33, in quanto nessuno dei finalisti (lui compreso) si è presentato alla finale.

Si rinnova la sfida tra Roberto Rigali della Bergamo Stars e Giovanni Galbieri (Aereonautica) sui 60 metri, dopo il 2 a 0 di “Bobby” in casa a Bergamo. Anche in terra veneta il risultato non cambia, dopo il tempo di 6.84 a ex aequo ottenuto in batteria, ma con una finale vinta dal camuno in 6.81.
Nella seconda finale, era presente anche il giovane allievo della Virtus Castenedolo, Mattia Bona che dopo una batteria un po’ compassata, chiude la giornata con un 7.23.

Ancora decisiva Linda Guizzetti sui 60 con ostacoli nel capoluogo marchigiano con l’argento, dietro soltanto ad una imprendibile Elisa Maria Di Lazzaro, in una finale che nei primi ostacoli stava per riflettere una conclusione diversa.
Come sempre molto buona la distribuzione delle forze durante i vari turni, cosa che Linda ha sempre dimostrato di poter gestire al meglio durante gli Italiani. Per la ragazza della Cus Pro Patria Milano la mattina è abbastanza agevole con “normale”, 8.64, seguito da un 8.57 in semifinale. Tira fuori le unghie in finale, grazie ad una straordinaria partenza e un arrivo da secondo posto in 8.38, avvicinando pericolosamente il suo personale, dimostrando ancora una volta di essere tra le più forti d’Italia e tredicesima in Europa Under23.

Rovetta Dominique per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.