Cross delle Cave 7 Febbraio

 

Nella piovosa giornata di oggi, 7 febbraio 2021, è andata in scena la prima prova regionale dei CdS di Corsa Campestre. La manifestazione, svoltasi nel rispetto dei protocolli utili al contenimento del contagio da Covid 19, ha riscontrato una buona partecipazione, nonostante il clima poco clemente: il percorso attorno al laghetto del Parco delle Cave di Brescia è comunque rimasto asciutto e veloce, permettendo agli atleti in gara di sfidarsi su buoni ritmi. Non sono mancate le sorprese, ma sicuramente nemmeno alcune importanti conferme: il movimento lombardo del cross è più che mai vivo e pronto per affrontare la seconda fase dei campionati societari (28 febbraio a Morbegno), con vista sull’appuntamento clou della stagione invernale, i Campionati Italiani di Campi Bisenzio (FI) del 14-15 marzo. L’evento odierno è stato gestito in modo esemplare dall’organizzazione del Comitato Regionale di Brescia, con il suo presidente Rolando Perri, dall’Atletica Cellatica, dall’Atl. Rodengo Saiano Mico e dallo SC Brescia Liberavventura, con il patrocinio del Comune di Brescia che ha messo a disposizione il parco cittadino.

 

CROSS SENIORES PROMESSE MASCHILE – Sui quasi 10km di gara (al via oltre 120 atleti) a spuntarla è l’asso comasco della Corsa in Montagna Francesco Puppi (Atl. Valle Brembana, in azione a sx foto Vaninetti): l’azzurro è da diversi anni tra i migliori al mondo nella corsa sui sentieri, ma nelle ultime due stagioni ha ottenuto enormi miglioramenti anche su pista e su strada. Per lui la soddisfazione di agguantare un successo prestigioso e soprattutto di guidare il proprio team ad un solido primato nella classifica a squadre; alle sue spalle, a consolidare la leadership dei biancorossi ci pensa Pietro Sonzogni, ancora una volta protagonista davanti ad un superlativo Mattia Padovani (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), che coglie la terza piazza. La battaglia per il quarto posto è tra gli U23 Luca Alfieri (PBM Bovisio Masciago) ed Enrico Vecchi (Atl. Rodengo Saiano Mico): è proprio quest’ultimo ad aggiudicarsi il duello tra i due azzurrini del cross, entrambi classe 2000. Subito dietro si conclude la festa Valle Brembana, che accoglie sul traguardo il proprio terzo atleta Nicola Bonzi, ottimo sesto. In settima posizione si colloca il maratoneta del CUS Pro Patria Milano René Cuneaz, che precede il nuovo acquisto in casa La Recastello Radici Group Iacopo Brasi. Completano la top ten della prima edizione maschile del Cross del Parco delle Cave il giovane Alain Cavagna (Atl. Valle Brembana), che da debuttante nella categoria conferma il dominio odierno del club bergamasco, e da Pietro Bomprezzi (CUS Insubria Varese Como). Dietro alla “schiacciasassi” Valle Brembana, è La Recastello Radici Group a guadagnarsi la seconda piazza a squadre, grazie al già citato Brasi e alle buone prove del giovane veneto Italo Cassol (12°) e di Luca Magri (22°); terzi di giornata sono gli alfieri del CUS Pro Patria che affiancano a Cuneaz gli ottimi Luca Leone (18°) e Andrea Astolfi (20°).

CROSS SENIORES PROMESSE FEMMINILE – 7.5km di fatica per la categoria femminile, con 43 atlete al via: a strappare il successo è una delle favorite della vigilia, la padrona di casa dell’Atl. Brescia 1950 Metallurg. S. Marco Giulia Zanne (foto in home), brava a prodursi nell’allungo decisivo che lascia sul posto l’U23 bellunese Gaia Colli: la portacolori dell’Atl. Valle Brembana, reduce da una stagione 2020 di straripante crescita, è la prima U23 al traguardo e precede un’altra specialista del mountain running come Alice Gaggi (La Recastello Radici Group), terza. In quarta posizione, ad un passo dal podio, si piazza Silvia Radaelli (Free Zone), mentre in quinta posizione fa il suo debutto stagionale l’ex azzurrina di cross Micol Majori (Pro Sesto Atletica). La sesta piazza se la aggiudica un’altra bresciana come Mara Ghidini (Atl. Brescia 1950 Metallurg. San Marco), che si mette alle spalle la coppia di specialiste della montagna formata da Ilaria Bianchi (La Recastello Radici Group) e Barbara Bani (Free Zone), rispettivamente settima e ottava. Subito dietro si classifica la prima U23 odierna, al debutto nella categoria: Elisa Pastorelli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) è nona e precede un’altra atleta Free Zone, ovvero Roberta Vignati, che chiude la top ten. A livello di club è sfida “sul filo del rasoio”: La Recastello e Free Zone hanno lo stesso punteggio complessivo, ma la prima piazza va momentaneamente alle neroverdi bergamasche, forti del miglior piazzamento individuale (il terzo posto di Gaggi). Sfida punto a punto anche tra le attuali terze dell’Atl. Brescia 1950 e le gialloblu della Lecco Colombo Costruzioni: la sfida è rimandata al prossimo appuntamento in quel di Morbegno.

CROSS JUNIORES MASCHILE – 47 gli atleti alla partenza, 7.5km la distanza da percorrere: i pronostici sono ampiamente rispettati e uno dei favoriti della vigilia Marco Zanzottera (US Sangiorgese), si aggiudica con autorità la competizione. Alle sue spalle è ottimo l’esordio nella categoria U20 per il varesino Mattia Zen (CUS Insubria Varese Como), che nella battaglia a tre profilatosi durante la corsa è bravo a mettere dietro un altro classe 2003 da seguire con attenzione come il lecchese Konjoneh Maggi. Quarto posto per un altro debuttante nella categoria juniores, il valtellinese Matteo Bardea (AS Lanzada), che ha la meglio sull’alfiere del Team A Lombardia Carlo Luciano Bedin, quinto al traguardo. Sesta posizione per un altro lecchese in crescita come Ionut Puiu (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), che precede il portacolori dell’Atl. Valle Brembana Pietro Gherardi. Classifica a squadre che sorride all’Atl. Lecco Colombo Costruzioni, saldamente in testa davanti a CUS Insubria Varese Como e CBA Cinisello Balsamo Atletica.

CROSS JUNIORES FEMMINILE – La gara U20 al femminile non ha storia. La ligure Aurora Bado, in forza alla Free Zone, mette il piede sull’acceleratore fin dalle prime battute e accumula via via un vantaggio che al traguardo sfiorerà i 50 secondi; la figlia d’arte (mamma Ornella Ferrara è stata bronzo iridato in maratona a Göteborg 1995), ha la meglio sulla debuttante nella categoria juniores Nicole Coppa (Bracco Atletica), reduce dall’esperienza di ieri ai nazionali di Ancona sui 1500 che l’hanno vista quinta. Per la terza piazza si ritorna in casa Free Zone, con l’ex Atl. Vallecamonica Paola Poli che lascia la valtellinese Greta Contessa (GP Santi Nuova Olonio) a un passo dal podio in quarta posizione. Quinta piazza per Paola Ferretti (Atl. Rodengo Saiano Mico), che precede la coppia tutta Bracco Atletica formata dalla derviese Ilaria Menatti e dalla brianzola Camilla Galimberti, rispettivamente sesta e settima. Ottava posizione che va alla bergamasca Federica Dalfovo (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter). A squadre è parità di punteggio tra Free Zone e Bracco Atletica: il miglior piazzamento individuale (della vincitrice Bado) incorona momentaneamente il team bresciano. Terze le gialloblu dell’Atl. Lecco Colombo Costruzioni.

CROSS ALLIEVI  Anche qui è uno dei favoriti della vigilia ad avere la meglio sul ricco plotone al via (76 atleti): Stefano Benzoni (Pool. Soc. Atl. Alta Valseriana) allunga nel finale e si aggiudica la prova sui compagni di fuga. Lo sprint tra i tre frontrunner rimanenti lo vince Loris Cittadini (Atl. Rodengo Saiano Mico), su Mattia Adamoli (Unione Sportiva Derviese) e Alessandro Morotti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter). Top five completata da un altro bergamasco, Omar Cattaneo (GA Vertovese). In testa nella classifica per club c’è l’US Derviese, davanti al CSI Morbegno e all’Atl. Bergamo 1959 Oriocenter.

CROSS ALLIEVE – Un po’ come tra le juniores, anche tra le U20 è netto il dominio della prima classificata: Miriam Scerra (PBM Bovisio Masciago) taglia il traguardo con oltre 30 secondi di vantaggio su Hajar Assamidi (Free Zone), che coglie la seconda piazza. Podio completato dalla biancorossa del CSI Morbegno Elisa Rovedatti, debuttante nella categoria. Quarto posto per Danila Milani (Atl. Vallecamonica) che ha la meglio su Martina Cattaneo (Atl. OSA Saronno Libertas), quinta. Graduatoria societaria che vede l’Atl. Valle Brembana precedere Atl. Riccardi Milano 1946 e Atl. Rodengo Saiano Mico.

Nelle gare Master della mattinata trionfano Graziano Zugnoni (GP Santi Nuova Olonio), Roberto Sopini (Atl. Paratico) negli over 50 ed Eva Grisoni (Atl. Paratico) nella categoria femminile.

Matteo Porro

Tratto dal sito di FIDAL Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *