Finale Oro, terzo posto per l’Atletica Brescia; la Brixia torna in Finale Argento, grazie alla velocità

Foto Fidal/Colombo

Torniamo indietro nel weekend del 23 e 24 giugno sono andati in scena i tanto attesi Campionati Nazionali di Società, le Finali 2018 con l’Atletica Brescia, in pole per un posto sul podio, tra le società migliori d’Italia. Missione compiuta per le giovani atlete bresciane, che in quel di Modena hanno saputo valorizzare al meglio le proprie capacità conquistando un eccellente terzo posto grazie ai 148 punti che sono riuscite a portarsi a casa, dietro soltanto alla Studentesca Rieti e la Bracco Atletica. Vince i 100 metri Johanelis Herrera Abreu grazie all’ottimo tempo di 11.67 con cui riesce a infilare l’azzurrina Alloh e Paoletta. Conosce il secondo gradino del podio Natalina Capoferri nel disco, dove grazie ai suoi 52.74 rimediati all’ultimo lancio si piazza seconda.
Seconda posizione anche per la 4X100 di Guglielmi, Niotta, Herrera Abreu e Pavese, che sfiorano il Record Sociale con 45.25. Alessia Niotta, in rientro dalle buonissime prestazioni e dal leggero infortunio fa segnare il crono di 23.97 portandosi al collo la medaglia di bronzo. Continua la serie positiva Nicole Colombi nella 5km di marcia in 22:42.65, grazie al quale conquista l’argento. Buona la prova di Elena Ventura degli Esposti sui 400 ostacoli, dove avvicina il personale correndo in 1:00.98 conquistando il terzo gradino. Da segnalare il gran tempo di Alice Mangione sui 400 piani in 54.64. Detronizzata dalla finale Argento dell’anno precedente la Brixia Atletica, risorge alla grandissima con un quarto posto che le vale la promozione nella Finale superiore per l’anno venturo. Con i suoi 135 punti con qualche assente di rilievo, riesce comunque nell’impresa di superare indenne i due giorni di Sulmona. “Triplete” nella velocità, con Roberto Rigali sui 200 in 21.30, Andrea Federici nei 100 in 10.79 e infine nella 4×100, specialità di casa con Bianchini, Zanandreis, Federici e Rigali che chiudono il giro di pista con un gran minimo per gli Italiani Assoluti di Pescara in 41.26.Combatte fino all’ultimo Tommaso Tanagli sui 400 ostacoli chiudendo secondo in 53.07. Secondo posto anche per Francesco Agostini nei 5000 metri, chiusi in 14:48.91. Vincenzo Cancelliere nel lancio del martello si qualifica secondo con 48.89, sfiorando in alcune occasioni la possibilità di vincere la competizione. Argento e bronzo per il saltatore Dominique Rovetta, rispettivamente nel triplo e nel lungo con 15.06 e 6.82 al secondo salto con conseguente ritiro per infortunio. Quinto posto storico per l’Atletica Chiari nella Finale B di Tivoli, che accarezza addirittura il sogno di salire in Bronzo. Alla fine ottiene la bellezza di 124 punti con sedici gare coperte. I due uomini vetrina sono stati NesimAmsellek e Andrea Dall’Olio. Il primo si cimenta nella doppia 1500, 5000 metri, conseguendo un ottimo 3:52.04 con cui perde la bagarre con il vincitore per solo un centesimo nella distanza più corta, e 15:55.67 classificandosi al terzo posto e senza troppi sprint finali questa volta. L’astista Andrea, riesce a saltare 4.60 dimostrando ancora una volta di farsi trovare pronto nelle manifestazioni più importanti, dopo il tonfo degli Italiani Under18.
Il merito più grande se lo prende Michele Falappi con 48.60 sui 400, grazie al quale si vestirà di oro, regalando alla squadra la prima medaglia d’oro della sua storia in una Finale Nazionale Assoluta.
Rovetta Dominique per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *