Asamoah, quarto a Lana è quasi Record Provinciale

Grande impresa per il portacolori della Virtus Castenedolo Stephen Asamoah Kobena (nella foto), classe 1993 che trova un grandissimo quarto posto assoluto agli italiani di prove multiple di Lana con il record personale di 6821 punti a soli 3 punti dal primato provinciale di Luca Savio datato 19 ottobre 1991. L’atleta allenato in coppia da Andrea Uberti e Ermino Rozzini, trova un eccellente 7.17 di salto in lungo, diventando il quattordicesimo saltatore in lungo della provincia, appaiando due nomi in forza del Brescia ai tempi, come Marcell Lamont e Giorgio Federici. Per la prima volta Stephen abbatte il muro dei 50 secondi nei 400 con 49.98, migliorando anche i 100 metri con 11.16. Per lui arriva l’ennesimo risultato a livello italiano dopo il quinto posto dello scorso anno a Rieti con 6765 punti e il settimo del 2015 sempre a Lana. Per un soffio sfuma il sogno azzurro della Coppa Europa dopo aver perso 150 punti nel giavellotto, su quello che poi arriverà terzo Verginer. Sempre Virtus Castenedolo, ma al tredicesimo posto troviamo il velocista convertitosi al Decathlon, Alexi Atchori che chiude la sua avventura con 5718, rimanendo a 100 punti dal Pb. Per Alexi vittoria di misura sul compagno nei 100 con 11.14 e un buon 6.36 nel salto in lungo. Il drappello di Andrea Uberti, continua con l’undicesimo posto Promesse di Giacomo Righettini (Brixia Atletica) raggiungendo quota 4583 dopo due anni di fermo dalle 10 gare. In giro per la Lombardia segnaliamo la grande prestazione della “solita” Natalina Capoferri dell’Atletica Brescia, dove nel suo disco trova l’eccellente misura di 52.78, stravincendo la competizione, a Busto Arsizio. A Nembro  miglioramento outdoor anche per il triplista della Virtus Andrea D’Amore, che vince e convince con una serie dignitosissima, chiusasi con l’acuto a 14.87 (personale outdoor). Altro grandissimo tempo per  Sophia Favalli della Free Zone negli 800, dove in ogni weekend dispensa risultati illustri come mai prima d’ora. Questa volta il cronometro si ferma a 2:12.34. Vittoria anche per Chiara Spagnoli dell’Atletica Brescia nei 3000 metri con 9:44.60. Torna in pista tra le allieve l’ostacolista campionessa italiana cadette lo scorso anno, Joan Adu della Virtus Castendolo, vincente in 14.77. Tornando nella nostra terra, a Salò al Campo Lino Turina sulla pista appena inaugurata, nelle categorie giovanili, bellissima gara di lungo ragazzi con quattro atleti in un fazzoletto di quattro centimetri. Vince Loris Prandini della Vallecamonica, con 4.67, spalleggiato da Shazim Ali del Rodengo Saiano, che perde per il secondo salto inferiore al vincitore. Terzo Francesco Gozzi della Robur con 4.66 e quarto Martin Cazzavacca Virtus, con 4.63. Esplode Anna Castellani nei 1000 metri con il tempo monstre di 3:09.82 del Rezzato che rappresenta anche il personale.

Dominque Rovetta per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *