CAMINAA STORICA TRAIL A NAVAZZO DI GARGNANO

                          

     

Navazzo di Gargnano

COMUNICATO STAMPA

 

LA MIA AFRICA” STA NELL’ALTO GARDA

TRIONFO KENIANO ALLA CAMINÀA TRAIL

 

Bottino pieno per il Kenya. Che vince la sfida sulle montagne dell’Alto Garda. La firma è degli atleti africani della Run2gether, società con base in Austria che ai valori dello sport aggiunge solidarietà,  primi assoluti alla quinta edizione della Caminàa Storica Trail, evento nazionale in calendario Fidal.

 Sono Birir Kipkorir, 29enne recente vincitore alla Bibione Half Marathon, e la sua compagna di scuderia, la 26enne Nyaboke Ronah, seconda per un soffio alla stessa mezza in terra veneta, a vincere la corsa a Navazzo di Gargnano che segna l’esordio nel trail per entrambi. Lo fanno alla maniera loro, per autorevole distacco, presentandosi senza concorrenza allo striscione d’arrivo dell’evento organizzato dal Gs Montegargnano con il supporto del Comitato BVG Alto Garda. Il keniano, primo assoluto, ferma il cronometro a 2.43.54, mentre la sua connazionale è prima nel ranking in rosa e undicesima nella classifica generale in 3.28.17.

Giornata ideale per correre sui monti del Garda bresciano sopra Gargnano. Una cinquantina gli atleti che si ritrovano di buon’ora alla base logistica di Navazzo, con temperatura frizzante quanto basta a non aggiungere l’affanno del caldo alla fatica già messa in conto. Da osservare stringenti misure contro il Covi19, mascherina e green pass per tutti. Pronti, via. Per Kipkorir è trail da scoprire. Lo affianca in testa per buona parte dei 27 chilometri e 950 metri del tracciato il trentino Jonathan Demattè (Black Warriors), con il quale affronta i tratti  più impegnativi del percorso. Che presenta nei primi nove chilometri iniziali la maggioranza in misura del dislivello positivo di 1.610 metri con le cime dei monti Comer e Denervo, tetto a 1.459 metri di quota, per  scollinare verso Bocca Lovere. La corsa prosegue con i due che si alternano al comando fino al controllo di Costa e giù, verso il lago artificiale di Valvestino. Qui, al ponte di Vincerino il keniano piazza lo strappo vincente. In una manciata di chilometri stacca nettamente Demattè, secondo al traguardo in 2.52.11. A seguire, ottima terza piazza per il primo dei bresciani, Stefano Tomasoni (Atletica Franciacorta, 2.54.53), che anticipa Stefano Redaelli (Runners Desio, 2.55.24). In quinta posizione, con un’ottima prova, il primo degli atleti di casa, il gargnanese Giampietro Bontempi (Gs Montegargnano, 3.05.09) al traguardo con il figlioletto in braccio. Ancora, da segnalare la decima posizione assoluta di Matteo Razzi (Gs Montegargnano, 3.25.02), al suo esordio assoluto in una competizione. Buona la prima.

Tra le ragazze, analoga corsa vincente per Nyaboke Ronah, in testa fin dai primi chilometri con la compagnia di Katia Lucchini (seconda in 3.43.43) , di casa a Salò e al suo rientro agonistico dopo due anni. Superate le salite e il tratto più duro, l’atleta africana si stacca nettamente in discesa e si presenta sola all’arrivo. In terza posizione segue la coppia di testa Claudia Meloni (Running Muscoline) che chiude in 3.49.57. Il resto del gruppone, sgranato sul percorso, supera senza problemi il cancello orario di Bocca Lovere, dopo 10,5 km di corsa. Un solo ritiro. Tutti gli altri al traguardo con largo anticipo sul tempo massimo, ultimo arrivo in 5.10.40.

In chiusura, le premiazioni con spazio per i vincitori di categoria. Giampietro Bontempi (Gs Montegargnano) lo è tra i Master 35. Poi: Francesco Belotti (Gs Montegargnano)  SM40; Ivano Rossini (Runners Salò) SM45; Stefano Tomasoni (Atletica Franciacorta) SM50 e Mario Venturelli (Gs Montegargnano) SM55. Tra le ragazze, oltre alle prime tre assolute, premi per i migliori piazzamenti di categoria al tris rosa del Gs del Monte: Alessandra Bontempi (SF), Amalia Minoia (SF60) e Alessia Porta (SF55).

La cronaca di giornata si chiude qui. Con i keniani  a segno per la seconda volta in pochi mesi sulla piana di Navazzo. Prima la Diecimiglia del Garda, poi la Caminàa Storica Trail. Ci sarà un’altra sfida, il prossimo anno.  Sarà ancora spettacolo sui monti dell’Alto Garda. Per ora, protettorato keniano. Questo, almeno, sul versante della corsa e del trail. Il resto è sempre e ancora vita.     

 

1 thought on “CAMINAA STORICA TRAIL A NAVAZZO DI GARGNANO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *