Regionali Jun/Pro, Papa e Guene all’ultimo respiro. Seramondi in formato europeo

 

Ottimi Campionati Regionali Junior e Promesse quelli di Saronno nel Salto Triplo per la Virtus Castenedolo che piazza quattro atleti in gara e ne porta sul gradino più alto del podio ben due.
La gara più avvincente se l’aggiudica Davide Papa, che nel secondo weekend consecutivo colleziona un altro 14 metri. La sfida si fa accesa all’ultimo salto quando Davide dopo aver condotto tutta la gara in testa viene scavalcato da Achonu della Cento Torri Pavia, e in tutta risposta trova un poderoso 14.40, regalando alla sua nuova compagine un titolo che mancava dal 2014.
Nella gara Junior s’impone Matteo Anselmini con un primo salto a 13.77, quanto basta per scavalcare Bruschi che costretto ad inseguire per tutti e sei tentativi chiuderà a 13.66.
Continua il momento di grande forma per Stefano Zotti (Atletica Chiari), allievo, che dopo l’ottavo posto ai regionali Assoluti, vince la gara “extra” con 13.42, a soli nove centimetri dal personale.

Tra le donne vittoria nella gara dedicata agli Assoluti (e Allievi) per Katia Zani (Atletica Brescia Ispa Group), che realizza anche la miglior misura di giornata con 11.73.
A Bergamo tornano in pista i bobbisti della nazionale Silvia Taini e Alexi Atchori, rispettivamente Brixia Atletica e Virtus Castenedolo.
Per Silvia, come di consueto una “sgambata” esclusivamente in batteria; giusto per prendersi il miglior crono della giornata tra le barriere al femminile sui 60 con un eccellente 8.56.
Alexi vince la seconda batteria, imponendosi in 7.00, peggiorando poi in finale con 7.10.
Tra gli Under23, ottima uscita per Michele Ferrari (Atletica Chiari) con 7.08, che va a pareggiare il suo personale, ottenuto nel 2017 e nel 2018, anche quest’anno ottiene sempre lo stesso crono (7.12 in batteria).
Sulle barriere alte, la giovane promessa dell’Atletica Chiari, Oscar Maifredi, dopo aver conseguito il minimo per Ancona scende in pista ottenendo al primo turno un bellissimo 8.56.
Accarezza il bronzo, rimanendo con “l’amaro” in bocca per soli otto centesimi, in finale, chiudendo in 8.70.
Grande prova di forza per Noradine Guene (Atletica Carpenedolo) nel salto in lungo Junior, ad Alzano Lombardo, con un ultimo balzo da 6.82, aggiudicandosi l’oro, nonostante al salto precedente fosse secondo di solo un centimetro (6.58 di Okereke contro 6.57 di Noradine). Nel tentativo finale incassa la maglia regionale, il suo secondo miglior salto di sempre (personale al coperto) e ovviamente il biglietto per un weekend ad Ancona la settimana prossima.

Da segnalare il miglioramento a Modena di Lorenzo Copeta (Virtus Castenedolo) sui 60 metri, con un bellissimo 7.02 ottenuto nella ventunesima batteria, mentre il “muro” diventa sempre più vicino.

A Padova durante i Campionati Italiani Giovanili di Prove Multiple, si mettono in luce due giovani stelle dall’Atletica Brescia Ispa Group, come Alessia Niotta e Alessia Seramondi sui 400. Rispettivamente fermano il cronometro della prima serie a 57.10 e 57.30. Entrambe sulla buona strada per ottenere un ottimo risultato in vista delle outdoor, soprattutto per Seramondi Under18, che oltre ad ottenere il Pass per Campionati Allievi risulta essere la candidata numero 1 per la competizione, con un miglioramento di oltre un secondo dalla gara precedente.
Curiosamente la giovane bresciana occupa un posto nella Top20 di categoria a livello europeo al diciassettesimo posto.
Appuntamento alla prossima settimana con i Campionati Italiani Under20 e Under23 ad Ancona

Dominique Rovetta per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *