Winter Prealba, Oltre 13 ore di gara nella 60km. Un pizzaiolo fa parlare di sé, nel mondo del Trail.

Domenica 12, si è consumata una delle gare in montagna, più attese del panorama bresciano dell’anno, con la “Winter Trail Monte Prealba”, arrivata ormai all’ottava edizione. A Bione si sono proposti ben tre diversi percorsi, per soddisfare tutti i tipi di trailers. A Bione è stata fissata la partenza e ovviamente l’arrivo dei tre percorsi, con lunghezze molto diverse tra loro. Si è passati dalla 60km con oltre 3 kilometri e mezzo di dislivello, alla 12km passando dalla 24km che sarebbe in sostanza una via di mezzo.
Per l’occasione sono giunti sul posto 353 atleti, di diverse estrazioni sportive, ma con una cosa in comune: l’amore per la corsa in montagna, che con il paesaggio di Bione e della Val Sabbia è stato in grado di ripagare tutti gli sforzi compiuti da tutti i trailers che hanno avuto il “fegato” di approcciarsi a questa difficile gara.
La Winter Prealba non è solo un connubio di corsa e paesaggi mozzafiato, ma anche organizzazione, infatti sono stati impiegati per l’occasione oltre 150 volontari, lungo tutto il percorso e un sistema informatico in grado di seguire passo dopo passo tutti gli atleti in gara, monitorando ogni loro movimento. Tutto questo sviluppato e portato avanti da Bione Trailers Team.

La competizione sarà anche qualificante per il UTMB 2020, una competizione tutt’altro che semplice. Venerdì 28 Agosto 2020, partirà da Chamonix una corsa lunga 171km lungo tutti i confini del Monte Bianco (Francia, Italia e Svizzera), e gli oltre 2300 partecipanti si sfideranno per circa due giorni di corsa (e camminata) in questa difficile prova, in grado di mettere in seria difficoltà anche il trailers più in gamba.
Inserita come ultima prova del circuito “Trail Express”, la Bione Winter Prealba, anche quest’anno non ha deluso le aspettative, con numerosi bresciani che hanno saputo distinguersi nella fredda mattinata di domenica.

Eccezionale gara di Gabriele Bonomi della Padile Running Team che si aggiudica il quinto posto con un buon tempo di 7:55.05. Per distacco il miglior atleta della provincia, che già in passato ha saputo distinguersi in alcune uscite sempre in montagna, la sua specialità.

La prima coppia bresciana la troviamo, invece al tredicesimo e al quattordicesimo posto. Appaiati come non mai, i due veterani della mezza maratona, Michele Lorini e Loris Brevi, entrambi della New Athletics Sulzano, si portano al traguardo finale della sfida più dura la “Hard” di 60km, in 8:30.59 e 8:31.00 rispettivamente.
Poco più giù a distanza di dodici minuti, si classifica al 21esimo posto Alberto Ravizzola della F.O Running Team di Villanuova sul Clisi.
Al 25° posto e al 31°, si classificano due atleti di casa, ovvero Luciano Renato Gottardi in 8:53.47 e Stefano Delbarba 9:07.30.

Nella “Soflty”, il percorso “meno” faticoso (12km), è un tripudio di atleti bresciani.
Su tutto spicca il nome di Cristian Becchetti dei I Lupi Lumezzane, che si aggiudica la gara in 1:09.27 in solitaria, in quanto l’inseguitore più vicino,  Riccardo Sanzogni (New Athletics Sulzano) arriverà con 6 minuti e 20 secondi di ritardo. Al terzo posto troviamo il miglior pizzaiolo d’Italia, Patrick Zanoni, vincitore della “Acqua di Chef 2019” (concorso nazionale organizzato da Italia Squisita). Per il pizzaiolo di “Rock 1978” di Bione, arriva il tempo di 1:16.06.

Infine nella “Softly Hard” si impone su tutti, Cristian Camanini (Atletica Franciacorta) in 2:32.12. Al terzo posto, s’insedia Michele Masetti (Libertas Vallesabbia) quattro minuti e ventun secondi più tardi. Attaccato a lui, il quarto della gara è Andrea Torchio di Omerunners.
Al femminile nella corsa da 24km troviamo al secondo posto, dietro alla testimonial Sportland Cinzia Bertasa, la “nostra” Laura Coloru della Robur Barbarano, che dall’anno scorso dopo un periodo di stop sportivo è tornata a cimentarsi nelle gare in montagna. Copre la distanza in 3:22.59. Al quarto posto s’inserisce Olga Agnelli con un buon 3:33.23, lei che qualche anno fa corse anche la mezza di Brescia, la Half Marathon. Sesta piazza per Hilary Morissey (Polisportiva Comunale Ome), che torna alle gare in montagna con 3:44.30.
Vince la gara più leggera tra le donne Monica Vagni (Atletica Paratico) in 1:16.42. Più staccata dal comando, taglia il traguardo come seconda, Cristina Dusina (Atletica Gavardo) in 1:21.01, seguita da Alessia Zanotti (Atletica Franciacorta) in 1:27.35.

Anche quest’anno la Winter Prealba ci ha lasciato con una grande messaggio di amore profondo verso questo tipo di fatica e divertimento, augurandoci un buon 2020, ricco di soddisfazioni e di risultati, e noi non possiamo che augurarlo a loro, attendendo con ansia l’edizione del prossimo anno.

Rovetta Dominique per Fidal Brescia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *