Pivotto e Gyedu timbrano il pass per Bydgoszcz nella seconda fase del CdS Assoluto; Record Favalli sugli 800 mt

Pietro Pivotto

Prosegue la corsa alle finali per le squadre bresciane ai Cds, dell’Atletica Brescia, Brixia, Atletica Chiari e Virtus Castenedolo. Al seguito dei 20 punteggi riportati, abbiamo al secondo posto stabile, l’Atletica Brescia al femminile che dopo aver totalizzato 16784 punti alla prima fase, si porta a 18607 con la finale Oro, centrata, confermata e digerita. Discorso diverso per le ragazze della Brixia che con 15739, inseguiranno la Finale B di Torino da possibili protagoniste. Al maschile dominio Brixia nelle gare veloci a fronte dei 16770 punti rimediati e un quarto posto regionale, con l’aspirazione di una finale Argento. Sorpasso del Chiari sulla Virtus con un incremento considerevole da parte della due formazioni di “paese”. La compagine clarense allunga con 14829 contro i 14712 dei castenedolesi. Per entrambi Torino è largamente alla portata. Podio tutto bresciano sui 100 metri con tre acuti mai così veloci a Brescia. L’Mvp di questi Cds, Pietro Pivotto si prende la testa della gara in recupero di 2 millesimi sul compagno della Brixia, Andrea Federici al rientro alle gare; per loro 10.56 che significa quasi personale. Record invece per Alessandro Piubeni che dopo aver corso in 10.79 nella prima fase trova il grande tempo di 10.62 diventando cosi il quinto bresciano più veloce di sempre. La Brixia fa doppietta anche sui 200 con un ancora Pietro che si impone su tutto il gruppo della prima serie con 21.29 su Roberto Rigali 21.43, scansando all’ultimo il giovane junior Aceti. Ancora Alessandro fa parlare di se scendendo per la prima volta sotto il muro dei 22 secondi con un altro tempo eccellente di 21.75 e decimo bresciano di sempre, nel weekend dedicato alla velocità bresciana. Il festival continua con la 4×100 targata sempre Brixia con Federici in prima, segue Zobbio, Rigali e in ultima il solito Pivotto che taglia il traguardo in 41.93, creando il vuoto dietro di sè. Pietro con 21.29 ottiene il pass per i Campionati Europei Under23, con il minimo fissato a 21.30. Dopo un inizio sotto la grandine vince il salto triplo ancora la Brixia con Dominique Rovetta, ad un solo centimetro davanti al rivale Accetta con 15.28 contro 15.27 al quarto tentativo e con la bontà del vento (+2.6). Nella pioggia salta all’ultimo tentativo Andrea D’Amore (Virtus Castenedolo) 14.42 concludendo al quinto posto. Quinto posto nel lungo anche per Dominique con 6.78, infortunandosi al sesto salto. Superato di un centimetro Angelo Tellaroli del Carpenedolo che chiude in 6.77. Ottimo lancio nel martello per Mattia Florio (Virtus Castenedolo) che all’ultima prova spara 51.49 avvicinando il secondo posto del più esperto Colombini. Torna su ottimi livelli Tommaso Tanagli della Brixia nei 400 con ostacoli, dietro agli inarrivabili Vergani e Lambrughi. Per lui 53.83, davanti al rientrante Marco Urgnani, atleta di casa che chiude in 54.46. Nella sua gara Abdellah Zahouan (Chiari) brucia la distanza dei 1500 in 3:58.62 raggiungendo il terzo posto. Sfiora il podio il compagno Edoardo Zubani negli 800 con 1:51.68. Urgnani, Zubani, Martinelli e Filippini nella 4×400 tagliano il traguardo come secondi dietro alla Bernatese con 3:22.51. Seguono i migliori 5 punteggi maschili:

  1. Pivotto Pietro 200 metri 21.28 – 952
  2. Pivotto Pietro 100 metri 10.56 – 943
  3. Federici Andrea 100 metri 10.56 – 943
  4. Rigali Roberto 200 metri 21.43 – 933
  5. Piubeni Alessandro 100 metri 10.62 – 926

Nel campo di Lodi si radunavano per la seconda fase le squadre femminili, con la donna copertina del weekend femminile e alfiere dell’Atletica Brescia, Abigail Gyedu, che stampa 13.74, ottenendo lo standard stabilito dalla Fidal per i Campionati Europei Under23 (13.75) della città polacca difficile da scrivere e pronunciare, Bydgoszcz. Anticipata sull’arrivo soltanto da Mosetti e Balduchelli. Grande tempo anche sui 100 per Abigail, dove nella seconda batteria sviolina la concorrenza in 12.10. Tempi duri negli 800 per le avversarie di Sophia Favalli (Free Zone), che al fotofinish sorpassa di 2 centesimi Aqdeir con un maestoso 2:11.01 migliorando ulteriormente il record provinciale. Vince il disco al quinto tentativo la Junior della Brescia, Veronica Rossetti con 39.62 che rappresenta il nuovo primato personale, superando il lancio di Genova dello scorso anno. Le compagne martelliste fanno primo e terzo posto con Giulia Rossetti sul gradino più alto del podio e Agata Gremi sul bronzo, rispettivamente 52.29 e 51.49. L’Atletica Brescia sale ancora sul podio nei lanci con il secondo posto di Alessandra Melchionda nel giavellotto, con 41.21, classe 1975. Buon argento per Elisa Cherubini nei suoi 1500 metri con 4:34.32 rimanendo a pochissimo dal personale. Quinto posto per la compagna Chiara Spagnoli, che fa segnare il miglior tempo stagionale in 4:35.65. Sesto posto per la lunghista della Brixia, Ilenia Vaira che al terzo tentativo salta 5.42. Seguono i migliori punteggi femminili:

  1. Gyedu Abigail 100 Ostacoli 13.74 – 988
  2. Favalli Sophia 800 metri 2:11.01 – 913
  3. Gyedu Abigail 100 metri 12.10 – 908
  4. Guizzetti Linda 100 ostacoli 14.45 – 905
  5. Rossetti Giulia Lancio del martello 52.29 – 890

Rovetta Dominique per Fidal Brescia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *